Kinder
AnimalieAmbiente.it / news / Ambiente / Ecco i consigli per un Natale eco-friendly

Ecco i consigli per un Natale eco-friendly

Le associazioni ambientaliste consigliano alberi veri, luci a led e niente plastica a tavola

22 dicembre 2017
| di Redazione
Ecco i consigli per un Natale eco-friendly

Il Natale è alle porte e, con le giuste scelte, anche questo periodo dell'anno può essere amico dell'ambiente. A partire dall'albero: prendere un abete vero al posto di uno di plastica può rivelarsi più sostenibile. Come evidenzia il Forest Stewardship Council (FSC) – un 'Ong internazionale che promuove la gestione responsabile di foreste e piantagioni – la plastica impiegata per gli alberi finti ha costi ambientali e di smaltimento molto elevati mentre gli abeti naturali provengono (o almeno dovrebbero provenire) da piantagioni specifiche: il loro abbattimento non andrebbe quindi a intaccare il patrimonio boschivo del territorio. Alla fine delle feste, chi ha un grande giardino può persino piantare l'abete ormai spoglio di luci e palline, mentre gli altri possono smaltirlo avviandolo al compostaggio.

 

Per quando riguarda le luci per gli addobbi, meglio quelle a Led: come ricorda il Wwf, durano fino a 30 volte di più e consumano fino all’80 per cento in meno di quelle a incandescenza.

 

Durante il pranzo di Natale, ma anche il cenone della vigilia o quello di Capodanno, sono bandite le stoviglie di plastica e le tovaglie di carta.

 

Inoltre Legambiente consiglia prodotti Made in Italy, provenienti se possibile da agricoltura biologica o dal circuito del commercio equosolidale. E perché non acquistare legumi e zafferano dalle zone dell'Italia centrale colpite dal terremoto, in modo da aiutare così questa parte del Paese a ripartire, come suggerisce Greenpeace?

 

Il Wwf ricorda poi che a Natale, spesso, si producono più rifiuti della media: il packaging, ad esempio, rappresenta il 60 per cento dei rifiuti che produciamo in questo periodo e giocattoli e apparecchi elettronici sono quelli che hanno gli imballi più ingombranti. La regola è quindi ridurre al massimo i rifiuti a monte e soprattutto fare la raccolta differenziata.

 

Possiamo anche pensare di impacchettare i regali con carta riciclata, certificata FSC oppure con stoffe e spago al posto dei nastri.

 

Infine l'ultimo consiglio che arriva da Greenpeace: quando si esce per lo shopping natalizio, meglio usare i mezzi pubblici, la bici o andare a piedi nei negozi più vicini: si risparmierà tempo, evitando di rimanere imbottigliati nel traffico o alla ricerca di un parcheggio, e soprattutto si eviterà di inquinare.

Ti potrebbe interessare anche:

@liciaanimalie

Corpo Forestale Dio li fa poi li accoppia