Kinder

La natura vince (quasi) sempre

21 giugno 2018
| di Licia Colò
La natura vince (quasi) sempre

La natura vince sempre. La Terra vince sempre. La vita forse, ma non quella della specie umana e per questo si pensa alla colonizzazione della luna. Terrorismo? Fantascienza?

 

Negli ultimi anni siamo stati proprio noi uomini a esserci macchiati di gravi crimini contro la natura, convinti che sia immortale. Ma non è così. Si estinguono specie preziose, scompaiono ghiacciai, si innalzano i mari che si nutrono di terre patria di intere popolazioni.

 

Continuiamo a ripetere che la natura si ripulisce dai veleni e si riappropria di ciò che le abbiamo stoltamente portato via. Non è così e dobbiamo prenderne atto: siamo arrivati al punto che anche la natura sembra aver detto basta.

 

Secondo l'ultimo studio pubblicato su Nature Geoscience che riguarda lo stato della grande barriera corallina australiana, negli ultimi 30.000 anni questa sarebbe “morta” almeno cinque volte a causa dei cambiamenti ambientali e del livello del mare in continuo mutamento. Grazie alla sua resilienza, però, sarebbe riuscita a rinascere e a tornare a essere un preziosissimo scrigno pieno di vita.

 

La notizia però non è positiva perché, se da una parte la barriera corallina ha risorse inaspettate che la possono far resistere ai cambiamenti di temperatura, dall'altra non ha alcuna possibilità di adattarsi all'inquinamento del nostro tempo che la sta velocemente uccidendo.

 

L'ennesima prova che la natura e la Terra non vincono sempre e oggi il rischio è che le barriere coralline diventino davvero solo l'ombra di un passato meraviglioso che l'umanità non sembra apprezzare.

 

 

 

Questo articolo è stato pubblicato su Famiglia Cristiana

IL PUNTO DI VISTA DI LICIA COLO':

Visualizza tutti gli articoli

@liciaanimalie

Corpo Forestale Dio li fa poi li accoppia